La PSORIASI è una malattia che colpisce molte persone nel mondo.

Classicamente si definisce la PSORIASI una malattia a carattere ereditario, infatti è possibile riscontrare all'interno di un nucleo familiare, più soggetti affetti da essa. Molto più frequente è, però, il riscontro, in una famiglia, di persone con patologie quali il diabete dell'adulto, l'artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, la vitiligine e la psoriasi. Questo avviene a causa della natura Poligenica di tali malattie, cioè la suscettibilità ad ammalarsi è scritta, non su di un solo gene, ma su più geni. Piccole modifiche di questi ultimi, fanno si che un soggetto sia predisposto ad una patologia piuttosto che ad un'altra. Ciò premesso, si può asserire che la Psoriasi è una malattia, dal punto di vista genetico, con caratteristiche di familiarità.

Possiamo quindi affermare con certezza che la tendenza ad ammalarsi di PSORIASI è presente fin dalla nascita, in quanto scritta nel DNA (codice genetico).

La malattia o le LESIONI CUTANEE caratteristiche si manifesteranno solamente quando quell'individuo è in condizione generica di stress. Questo significa che le tossine presenti in quel soggetto sono veramente troppe.

Una piccola premessa.......

In una automobile abbiamo un quadro, dove si trovano diverse spie luminose che si accendono per segnalarci che qualcosa non va nella macchina.
Nella "macchina uomo" queste spie sono rappresentate dai sintomi, i più vari.
Le lesioni della psoriasi, sono in realtà delle spie, che nascono per segnalarci che il livello di tossine, all'interno dell'organismo è a livelli preoccupanti.

Ma da dove vengono queste tossine?

Da una alimentazione non corretta e poco sana.

Dai liquidi con cui ci dissetiamo.

Dall'aria  che penetra nei nostri polmoni.

Dai pensieri che affollano le nostre menti.

In proposito alla PSORIASI i pensieri sono doppiamente importanti. Infatti una volta che le LESIONI CUTANEE si sono evidenziate e progrediscono, si riducono, si modificano e ne nascono delle nuove, si instaura un atteggiamento globale estremamente negativo. Chi ne soffre ne sa qualcosa.

In un soggetto affetto da psoriasi, quindi, la prima cosa da fare è quella di eliminare le LESIONI CUTANEE. In questo modo, infatti, nell'individuo ritornerà la gioia e quindi i pensieri positivi.

Si ringrazia sia l’Enciclopedia "Omnia 2002", sia l’Enciclopedia "Omnia 2003", ambedue della De Agostini (ed. Mondadori) e la Rivista Panorama, che le distribuisce,  per le Citazioni ed i Link unicamente a questo Sito Web, presenti sui Secondi Volumi (2002 , 2003 e successivi) dedicati alla Medicina, alle voci Psoriasi e Artrite